Spice Oddity

Basta un poco di zenzero (e di cipollotto)

Per dare un carattere orientale a un piatto semplice

Avete mai mangiato dei ravioli cinesi alla piastra fatti come dio comanda? Io ho il mio spacciatore di fiducia in via Paolo Sarpi a Milano, e ho anche la ricetta segreta di una bellissima ragazza cino-americana – che non svelerò, anche se presto condividerò la mia personale versione senza carne. Ma quello su cui vorrei mettere l’accento qui è quel sapore inconfondibile che li rende così speciali.

È un connubio d’ingredienti molto semplice, in realtà: quello fra zenzero e cipollotto fresco, enfatizzato dalla salsa di soia all’aceto con cui amo annaffiarli abbondantemente prima di divorarne almeno una decina. Con il tempo, ho riconosciuto questa combinazione di sapori in molti piatti della cucina dell’Estremo Oriente, in particolare in quella coreana, e mi sono accorta che bastava la sua presenza a dare un tocco di esotismo anche al piatto più semplice, come le verdure saltate nel wok o un passato di verdura.

Se la mia passione per zenzero e cipollotto vi sembra smisurata è solo perché ho omesso di specificare che in quel ristorante di via Paolo Sarpi, quello del mio spacciatore di fiducia, ho visto per la prima volta mio marito; era alto, barbuto, panzone e portava i capeli raccolti in una coda in cima alla testa. Sembrava un uovo di Pasqua, e io non potevo perdere l’occasione di accaparrarmelo (ci sarebbe voluto ancora parecchio tempo, ma questa è un’altra storia).

Perciò, può darsi che il mio entusiasmo sia parzialmente suscitato dalla nostalgia; a scanso di equivoci, ecco la ricetta della mia crema di fave e piselli freschi, rinforzata con latte di cocco, zenzero e cipollotto.

zenzero_cipollotto_interna

Ingredienti per quattro persone

  • 500 grammi di fave fresche
  • 500 grammi di piselli freschi
  • 1 patata media
  • 3 cipollotti
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 250 ml di latte di cocco
  • zenzero fresco a piacere
  • olio EVO
  • pepe nero

Preparazione

Preparate il brodo vegetale. Sgranate fave e piselli e mettete da parte i baccelli per utilizzarli successivamente (qui trovate un po’ di ricette di recupero).

Pelate la patata e tagliatela a cubetti. Affettate due cipollotti e metteteli a soffriggere nell’olio, poi aggiungete fave, piselli, patata e sfumate con il vino.

A questo punto, aggiungete il brodo e lasciate cuocere il tutto finché fave e piselli non si saranno ammorbiditi.

Nel frattempo, soffriggete il restante cipollotto, che vi servirà per la decorazione, sbucciate e grattugiate lo zenzero (io ho usato un pezzetto spesso quanto un dito e lungo circa quattro centimetri).

Quando le verdure saranno cotte, aggiungete il latte di cocco e riducete a crema con il frullatore a immersione. Unite poi lo zenzero grattugiato (conservandone un po’ sempre per la decorazione) e aggiustate di sale.

Servite con un filo d’olio, cipollotto soffritto, una spolverata di zenzero e una di pepe.