Spice Oddity

Vegan Cheesecake

Per affrontare l'autunno a colpi di zucca, uva Zibibbo, anacardi & nocciole

Qualche settimana fa sono stata al Salone del Gusto di Torino per dare una mano alla mia amica Lisa. Esperienza bellissima, se non fosse che, dopo aver finito il laboratorio, gironzolato per gli stand e consumato un’ottima cenetta vegan con tre donne meravigliose al Soul Kitchen, un virus gastrointestinale di certa provenienza pediatrica mi ha messo KO per le successive due settimane, impedendomi di passare quella che si prospettava come la mia prima notte senza pupo da quando è nato (ha quasi due anni, n.d.r.) ronfando impunemente.

In altre parole, ho passato la notte a Torino senza chiudere occhio (punizione divina?). Ma vi risparmierò i particolari. Fortunatamente, ero riuscita a fare un giro per il Salone, imbattendomi in alcuni prodotti tipici interessanti che ho subito deciso di mettere alla prova in cucina – fra questi, un’uva passa Zibibbo di Pantelleria dolce e aromatica che mi ha fatto pensare a una base alternativa per la mia cheesecake vegan di anacardi.

Già da un po’ avevo in mente di sperimentare una ricetta milk-free della cheesecake di zucca, che di solito preparo con una certa frequenza in questa stagione. La ricetta originale prevede per la base biscotti secchi e burro – sostituiti qui con uva passa Zibibbo e nocciole – e per la crema latte condensato e zucchero, prontamente rimpiazzati da una crema di anacardi, latte di cocco e sciroppo d’agave.

E poi naturalmente c’è lei, la zucca, protagonista della ricetta. Siccome proprio Lisa mi ha insegnato che della zucca  non si butta via niente (o forse era il maiale?), ho deciso di usare anche la buccia, lessandola insieme alla polpa per poi separarla, tagliarla a cubetti e caramellarla con lo sciroppo d’acero.

Ne è uscito un dessert decisamente energetico e ricostituente, dolce al punto giusto senza essere stucchevole. A dire la verità, il sapore dell’uva Zibibbo alla fine tende un po’ a sbiadire nel mix di sapori, perciò se non ruscite a trovare questo ingrediente così particolare andranno benissimo uva passa comune o datteri (questi ultimi ammollati per qualche ora e poi strizzati).

Io ho fatto delle monoporzioni per evitare di divorarmi tutta la cheesecake al primo sbalzo ormonale. E ha funzionato! Se decidete di fare una torta unica, procuratevi una tortiera piccola, idelmente con cerniera – oppure rinforzate un po’ le dosi.

 

cheesecake-tutta-zucca

cheesecake-tutta-zucca-1

buccia-zucca-caramellata

cheesecake-tutta-zucca-3

cheesecake-tutta-zucca-4

Ingredienti per dieci tortine

  • 100 grammi di uva passa Zibibbo
  • 100 grammi di nocciole
  • 150 grammi di anacardi
  • 200 ml di latte di cocco
  • 150 grammi di polpa di zucca lessata
  • 50 grammi di buccia di zucca lessata
  • 3 cucchiai di succo d’agave
  • 3 cucchiai di sciroppo d’acero
  • cannella a piacere (opzionale)

Preparazione

Lavate bene la zucca e cuocetela al vapore con la buccia. Lasciatela intiepidire e poi separate la buccia dalla polpa.

Tagliate la buccia a cubetti, scaldate lo sciroppo d’acero in una padella antiaderente e poi unite i cubetti di zucca e, se volete, un po’ di cannella in polvere. Fate cuocere a fuoco medio finché lo sciroppo non si sarà assorbito. Mettete da parte la vostra buccia di zucca caramellata.

Frullate l’uva insieme alle nocciole per creare la base delle vostre mini cheesecake. Se dovesse risultare troppo secca, aggiungete qualche goccia di sciroppo d’agave.

Dividete il composto in 10 parti uguali e foderate il fondo di altrettanti stampini da muffin rigidi preventivamente unti con un po’ d’olio d’oliva.

Se volete far staccare le tortine più agevolmente una volta che saranno pronte, mettete sul fondo delle striscioline di carta da forno che vi serviranno da linguette per estrarle.

Schiacciate bene il composto con le dita, mettete in freezer gli stampini per una buona mezz’ora in modo che la base si solidifichi bene.

Nel frattempo la zucca si sarà probabilmente raffreddata del tutto, perciò preparate la crema: frullate gli anacardi con lo sciroppo d’agave, aggiungete il latte di cocco gradualmente e infine la polpa di zucca, fino a ottenere una crema dalla consistenza cremosa.

Estraete dal freezer gli stampini, riempiteli fino al bordo con la crema e poi guarnite ciascuna tortina con qualche cubetto di buccia di zucca caramellata.

Mettete in freezer per almeno sei ore, e tirate fuori le tortine qualche minuto prima di servirle.

Commenti

3 thoughts on “Dolce, cruda e senza formaggio”

Comments are closed.