Spice Oddity

Come piace a Ganesh

Insalata di ceci scuri e riso al cocco alla maniera indiana

Questa è la storia di Ganesh, un bambino decapitato da un padre possessivo che non lasciava in pace la madre nemmeno quando la poveretta si faceva il bagno. Poi dicono che le la Bibbia e le favole sono un po’ cruente – dico, ma avete mai letto i miti indù?

Il bambino in questione alla fine se la cava: la mamma, Parvati, s’incazza a tal punto che il padre, Shiva, è costretto a trovare una soluzione creativa per aver osato decapitare il bambino messo a guardia della privacy di sua moglie.

“Portatemi la testa della prima creatura che passa”, dice ai suoi servi, e quelli gli portano la testa di un elefante. E così, mentre noi festeggiamo Gesù nella mangiatoia con il bue e l’asinello, gli induisti celebrano la nascita di Ganesh mezzo uomo (pure ciccione) e mezzo elefante. Lo fanno nel sud dell’India, fra agosto e settembre, con una festa chiamata Ganesh Chaturthi durante la quale rivaleggiano a colpi di staue gigantesche del dio elefante.

A me Ganesh è sempre stato particolarmente simpatico – ma non è per questo che vi sto raccontado la sua storia. La ragione, tanto per cambiare, è gastronomica, perché la ricetta di cui vorrei parlarvi  tipica proprio di questa festività.

È un piatto a base di ceci marronikala chana in indi e urdu – e spezie, una sorta d’insalata tiepida e speziata (sundal) che si mangia come snack, con il pane, come contorno, e che può essere anche portato in offerta agli dei – in questo cso a Ganesh, il quale, cicciotto com’è, non so quanto possa gradire un pasto così morigerato.

C’è da dire che i ceci marroni (esistono anche in Italia, io li ho presi al Salone del Gusto e vengono da Salerno) sono davvero buoni – oltre a somigliare a delle noccioline hanno anche qualcosa di “noccioloso” nella consistenza. Ho modificato leggermente la ricetta tradizionale, preferendo un mix di spezie più o meno reperibili presso quelle piccole botteghe internazionali – foglie di curry (di solito le vendono secche in sacchetto) , zenzero, semi di senape – che si trovano un po’ ovunque, perciò non dovreste faticare troppo per procurarvi gli ingredienti.

Ho accompagnato il mio kala chana sundal con un riso al cocco molto semplice e profumato, preparato secondo la ricetta tipica del Kerala, nel sud dell’India – un posto che ho nel cuore per tanti motivi, ma questa è un’altra storia (e non ve la risparmierò, questo è certo).

ceci marroni

spezie indiane

soffritto

riso al cocco del kerala

kala chana sundal

Ingredienti per quattro persone

Kala Chana Sundal

  • 250 grammi di ceci marroni secchi
  • 1 cucchiaino raso di semi di senape
  • 1 rametto di foglie di curry (o una manciata di foglie secche)
  • 1 piccolo peperone verde
  • 2 cm di zenzero, pelato e grattugiato (o tagliato a fettine sottili)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di cocco grattugiato
  • il succo di un lime
  • 1 pomodoro
  • 1 cetriolo
  • olio EVO
  • sale

Riso al cocco alla maniera del Kerala

  • 300 grammi di riso basmati
  • 1 cuchiaino di semi di senape
  • peperoncini rossi secchi a piacere (io ne ho usato uno)
  • 1 rametto di foglie di curry (o una manciata di foglie secche)
  • 2 cm di zenzero, pelato e grattugiato (o tagliato a fettine sottili)
  • 80 grammi di cocco grattugiato
  • una manciata di anacardi
  • olio EVO
  • sale

Preparazione

Kala Chana Sundal

La sera prima mettete a bagno in ceci in abbondante acqua.

Fate cuocere i ceci in pentola a pressione in abbondante acqua salata per circa 75 minuti a partire dal fischio. Scolateli cnservando l’acqua di cottura.

Scaldate quattro cucchiai di olio EVO e fate sofffiggere i semi di senape. Quando cominceranno a scoppiettare, aggiungete lo spicchio d’aglio, il peperone tagliato a listarelle minuscole, le foglie di curry sminuzzate, lo zenzero grattugiato o tagliato a fettine.

Aggiungete infine i ceci scolati e mescolate bene, lasciando andare a fuoco vivace per qualche minuto.

Bagnate i ceci con circa 500 ml dell’acqua di cottura, aggiustate di sale e lasciate cuocere a fuoco medio senza coperchio finché l’acqua non si sarà completamente assorbita.

Fate intiepidire i ceci, aggiungete il succo di lime e serviteli con cetriolo e pomodoro affettati e cocco grattugiato.

Riso al cocco alla maniera del Kerala

Cuocete il riso basmati con il metodo che preferite. Personalmente lo faccio tostare in padella antiaderente, lo ricopro di acqua bollente salata e faccio in modo che assorba tutta l’acqua cuocendo circa 10 minuti a fuoco medio con il coperchio. Poi lo lascio riposare qualche minuto sempre coperto.

Scaldate quattro cucchiai di olio EVO e fate sofffiggere i semi di senape. Quando cominceranno a scoppiettare, aggiungete i peperoncini e le foglie di curry sminuzzati, lo zenzero grattugiato o tagliato a fettine, il cocco grattugiato e un po’ di sale. Fate imbruire leggermente, facendo bene attenzione a non bruciare nulla.

Aggiungete il riso e fatelo saltare qualche minuto.

A parte tostate gli anacardi in una pentola antiaderente e poi mescolateli al resto, tenendone da parte qualcuno.

Servite in coppetta o date forma al riso aiutandovi con un coppapasta. Decorate congli anacardi rimasti e qualche briciola di cocco.